produzione rete elettrosaldata
produzione recinzioni da cantiere
rete elettrosaldata
saldatura recinzioni da cantiere

Cemento armato

Si definisce cemento armato una struttura costruita in calcestruzzo di cemento con un armatura di acciaio in esso immersa, che accoglie le tensioni di trazione alle quali il calcestruzzo da solo offre resistenza modesta.

Le sue caratteristiche principali sono la resistenza meccanica agli sforzi ed ai processi di disintegrazione legati agli agenti atmosferici, chimici ed all'usura.

L'impiego del cemento armato ha trasformato la struttura portante dell'edifico in un sistema spaziale continuo ed elastico, composto da elementi di sostegno disposti con una libertà sino ad allora sconosciuta; trova compimento nelle realizzazioni del Movimento Moderno, grazie al quale la tecnica strutturale del cemento armato viene formalmente integrata al processo di progettazione e produzione dell'architettura. Sia con il cemento armato, sia con quello precompresso (procedimento che induce uno stato di pre-sollecitazione mediante l'uso di cavi in acciaio ancorati all'estremità dell'elemento e sottoposti a sforzi di trazione prima e dopo la gettata nelle casseforme) è possibile progettare strutture plastiche composte secondo la combinazione dinamica delle linee di forza.

Esemplari per la complessità di calcolo e di immagine spaziale sono le realizzazioni di Pier Luigi Nervi, inventore della tecnica costruttiva del ferro-cemento nella quale, a differenza del cemento armato, la sezione resistente è costituita dalla sovrapposizione di diversi strati di rete metallica, con l'orditura ruotata e annegati nel cemento, in modo da ottenere elementi leggeri, resistenti e molto elastici, adatti per membrane e gusci che non necessitano di casseforme.